Non ti depilare amore

Sono punti esclamativi,

intorno ai capezzoli bruni,

questi lunghi peli, scuri,

più corti poi fanno sentiero,

giù perimetrando il cratere,

da lì alla tua forra scende,

la tua peluria sensuale,

laggiù poi si rapprende,

il boccolo tuo carnale

e, poco a poco, scende,

evita il polite banale,

poi di carriera riprende

la sua discesa vitale,

finché, alle falangi giungente,

si ribella e, come crine, sale.

Come il sale del tuo sudore,

alle mie labbra affamate,

pare antipasto di mare,

così il tuo pelo animale

mi schiude alla fame d’amore.

Milano 3 Dicembre 2008

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: