Nel letame fino al collo

Nel letame fino al collo,

non mi accorgo del tuo peto,

se non quando viene a galla,

e non sembra sia discreto.

Caro Silvio, ma che puzza!

anche io che son gourmet,

della merda che spandesti

posso dire anno e mese,

posso dire anche il media,

dal qual tal la proponesti,

bene, anch’io che son avvezzo,

ne son quasi soffocato,

da quel vento che promana,

dal meato di Giordana,

per il qual solo è passato,

che già lì, no, non è nato,

forse è sorto dal poeta

che di te cuce peana,

da quel tal innamorato,

da quel Fede inceronato,

o dal viscido Mentana,

che ti fé alibi e scudo

e tu, ingrato, l’esiliasti,

ma per dargli nuova fama,

per rifar l’imene intatto.

Ma da chi, dunque, nacque,

questo peto travolgente,

che fé l’Aquila tremare,

ah, ma certo, fosti tu,

è per ciò che in tua presenza

non si fuma e non c’è fiamma,

ma del “fumus persecutionis”

di cui Craxi fece lamento,

tu ricavi giovamento

e ne trai scusa e momento

per cucirti su misura

anche un Codice Penale.

Non contento, punti l’ano,

stai insidiando il Vaticano,

“Il decalogo non va

non ci sono menzionato!”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: