Le gocce

Io goccia d’un’onda,

in balìa del vento

io, spuma, e schizzi,

io, aria divento,

restare volevo

negli abissi quieti,

silenti, oscuri,

abbandonati,

quindi sicuri.

Io venni trascinata,

a riveder le stelle,

dall’àncora incurante,

con rami di corallo

e con silicee spugne,

io fui tra lor morenti,

così caddi sul ponte,

di lì nella sentina,

ove sostai, pensosa,

quanto non so,

mi parve assai,

ora son spuma

e non mi fermo mai,

alla mercé del vento,

tal sono e mi sento.

Così dicea la goccia

della schiuma di mare,

frizzando le sue bolle,

serena, ma non doma,

alla macchia oleosa

in cui specchiava

l’arcobaleno assente.

Io pure, disse il petrolio,

di lontano vengo,

tra i sargassi rinacqui

a questo cielo terso,

in me porto il ricordo

di un mondo assai diverso,

ne fui esiliato a lungo,

nell’Ade oscuro e caldo

restavo, rassegnato,

a rispettar, tacendo,

i ritmi del pianeta,

che sfarina il granito,

che digerisce il tempo,

ma venne un ascesso,

una suppurazione,

e venni espulso in mare.

Ora mi spando bene,

copro la spuma bianca,

ne faccio schiuma densa,

del color del letame,

che giunta sulla sponda

segna il confin letale.

Oppur resto, silente,

a fare specchio a un cielo

sempre più spopolato

di sterne e di gabbiani,

di svassi e cormorani,

di folaghe e di aironi,

di martin pescatori,

di falchi e di gruccioni,

pivieri e pivieresse,

chiurli e porciglioni,

se tacciono loro

devo parlare io?

Milano 27 Maggio 2010

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: