Come fregare i risparmiatori italiani tasse al 31,5% sui titoli di Stato della Spagna

Ho già accennato in precedenti post al problema della doppia tassazione dei titoli di stato della Spagna in Italia, la beffa prosegue.

Mi sono rivolto al Consolato di Spagna a Milano per sapere almeno a chi dovevo rivolgere la domanda per avere il rimborso della tassa spagnola essendo un non residente, ma mi hanno risposto che loro si occupano degli spagnoli non degli italiani. Evidentemente non rientra nei loro compiti la tutela del buon nome del paese, non si occupano di “pubbliche relazioni”, mi hanno cortesemente dato un pezzetto di carta con l’indirizzo del Ministero delle Finanze spagnolo a cui avrei dovuto rivolgermi, in spagnolo, per avere chiarimenti, oppure avrei potuto contattare un avvocato fiscalista in Spagna (per un centinaio di euro!), su mia insistenza mi hanno fornito, sullo retro dello stesso foglietto l’indirizzo email del Consolato d’Italia a Madrid.

Il Consolato d’Italia a Madrid mi ha risposto prontamente che loro non si occupano di questioni fiscali e mi hanno fornito l’URL del sito del Ministero delle Finanze spagnolo che, naturalmente, ha solo parziali verisoni in inglese, francese e tedesco (oltre che in gallego, catalano ecc.).

Ho avuto la soddisfazione di trovare conferma al fatto che la legge spagnola, oltre alla convenzione italo-spagnola contro la doppia imposizione fiscale, dice che i miei titoli, intestati a me, che non sono residente in Spagna, sono esenti dalla tassazione spagnola, anche se dovrei fornire ogni anno un certificato di residenza fiscale, ma non sono riuscito a capire a chi dovrei inviare tale certificato, anche ammesso che riesca a scoprire chi in Italia dovrebbe fornirmelo,

Intanto sono riuscito a prendere un appuntamento con l’Agenzia delle Entrate per metà Luglio, anche se la mia domanda non rientrava in nessuna delle casistiche per le quali era possibile prendere un appuntamento, chissà forse troverò qualcuno di buon cuore…

Per ora la morale mi sembra una sola l’Europa delle burocrazie è di là da venire, d’altronde come dare torto a questa gente, un Europa unita farebbe un sacco di disoccupati tra diplomatici e addetti vari.

Intanto rimane incotrovertibile il fatto che una banca come Webank (gruppo B.P.Milano) che vende a ignari clienti titoli siffatti, sapendo che non darà loro alcuna assistenza, non si comporta con loro come con dei clienti, ma come con dei “polli” da spennare.

Annunci

BPM e Titoli di Stato Spagnoli seconda puntata.

Ho già accennato in precedenti post al problema della doppia tassazione dei titoli di stato della Spagna in Italia, la beffa prosegue.

Mi sono rivolto al Consolato di Spagna a Milano per sapere almeno a chi dovevo rivolgere la domanda per avere il rimborso della tassa spagnola essendo un non residente, ma mi hanno risposto che loro si occupano degli spagnoli non degli italiani. Evidentemente non rientra nei loro compiti la tutela del buon nome del paese, non si occupano di “pubbliche relazioni”, mi hanno cortesemente dato un pezzetto di carta con l’indirizzo del Ministero delle Finanze spagnolo a cui avrei dovuto rivolgermi, in spagnolo, per avere chiarimenti, oppure avrei potuto contattare un avvocato fiscalista in Spagna (per un centinaio di euro!), su mia insistenza mi hanno fornito, sullo retro dello stesso foglietto l’indirizzo email del Consolato d’Italia a Madrid.

Il Consolato d’Italia a Madrid mi ha risposto prontamente che loro non si occupano di questioni fiscali e mi hanno fornito l’URL del sito del Ministero delle Finanze spagnolo che, naturalmente, ha solo parziali verisoni in inglese, francese e tedesco (oltre che in gallego, catalano ecc.).

Ho avuto la soddisfazione di trovare conferma al fatto che la legge spagnola, oltre alla convenzione italo-spagnola contro la doppia imposizione fiscale, dice che i miei titoli, intestati a me, che non sono residente in Spagna, sono esenti dalla tassazione spagnola, anche se dovrei fornire ogni anno un certificato di residenza fiscale, ma non sono riuscito a capire a chi dovrei inviare tale certificato, anche ammesso che riesca a scoprire chi in Italia dovrebbe fornirmelo,

Intanto sono riuscito a prendere un appuntamento con l’Agenzia delle Entrate per metà Luglio, anche se la mia domanda non rientrava in nessuna delle casistiche per le quali era possibile prendere un appuntamento, chissà forse troverò qualcuno di buon cuore…

Per ora la morale mi sembra una sola l’Europa delle burocrazie è di là da venire, d’altronde come dare torto a questa gente, un Europa unita farebbe un sacco di disoccupati tra diplomatici e addetti vari.

Intanto rimane incotrovertibile il fatto che una banca come Webank (gruppo B.P.Milano) che vende a ignari clienti titoli siffatti, sapendo che non darà loro alcuna assistenza, non si comporta con loro come con dei clienti,  ma come con dei “polli” da spennare.

Vedi la terza puntata

Vedi la quarta puntata

Vedi la quinta puntata

Vediamo un po’ cosa risponderà l’Ombudsman bancario

Ho preparato la lettera per l’Ombudsman Bancario contro il comportamento senza scrupoli della Banca Popolare di Milano. Domani la spedisco e vi accludo una copia!

BPM e Titoli di Stato spagnoli e doppia imposizione fiscale, prima puntata.

Secondo la BPM Banca Popolare di Milano è normale pagare su titoli di Stato Spagnoli il 19% allo Stato Spagnolo e 12,5% allo Stato Italiano perché loro si seccano a fare le pratiche per l’esenzione dalla doppia imposizione fiscale, ma vendono questi titoli senza avvisare i clienti che sono dei fagnani.

Ecco le prove:

BPM Banca Popolare di Milano19% allo Stato Spagnolo e 12,5% allo Stato ItalianoLa BPM Banca Popolare di Milano mi ha inviato la lettera sopra dicendomi che i titoli di Stato Spagnoli da me acquistati lo scorso anno sono tassati secondo le leggi dei due Stati 19% e 12,5% totale 31,5% come risulta anche dalle note di accredito.Peccato che non si renda conto che, AMMESSO CHE SIA NORMALE NON AVERE INFORMATO IL CLIENTE DI TALE DOPPIA IMPOSIZIONE FISCALE, applicando tale ritenuta insieme a quella spagnola, e non successivamente, la ritenuta effettivamente applicata per la fiscalità italiana sia del 15,43% e non del 12,5% visto che mi fanno una trattenuta su quanto non incasso applicando l’aliquota CONTEMPORANEAMENTE A QUELLA SPAGNOLA.

La BPM cerca di spaventare il cliente: potrebbe perdere l’ANONIMATO!Sì non avete letto male: fare le pratiche per evitare la doppia imposizione fiscale comporta una serie di documenti!Quindi la BPM non effettua tali pratiche. Non avrebbero dovuto informare il cliente prima?

Se al ristorante mi servono del pesce e mangiandolo mi rendo conto che ha le interiora protesto, se il cameriere mi comunica che il cuoco non aveva il tempo di pulirlo io devo dichiararmi soddisfatto?

Concludono dicendomi che devo fare tutto da me, peccato che le commissioni sull’acquisto di quei titoli le abbiano incassate.

Vedi la seconda puntata  Vedi la terza puntata  Vedi la quarta puntata  Vedi la quinta puntata.