La Lisca ristorante in Milano (recensione)

Il locale si presenta con un’aspetto modernamente invitante per una cena tra amici, ma meglio portarsi caschi da moto con interfono, il rumore delle conversazioni che si intrecciano nell’ampio locale, con ammezzato a vista, non ammette conversazioni a più di trenta centimetri di distanza, quindi meglio andarci in coppia affiatata per parlarsi nelle orecchie.

Il servizio è cortesemente amichevole, offrono il liquore dopo il conto, anche se bisogna essere ostinati per aspettarlo.

Appena seduti portano un piattino ogni due persone con due cucchiaiate di cus-cus con qualche pomodorino e propongono un bicchiere di prosecco. Rinunciare al cus-cus non costa niente, salvo il pomodorino è insapore.

Ottimi gli spiedini di polpo.

Buone le zuppe con pomodorini freschi, anche se non molto varie le specie nella fondina.

Eccellenti le cozze dell’impepata.

Dimenticabile il carpaccio di ricciola alla menta.

Buona la dadolata di tonno e melanzane (forse fin troppo delicata, ma va a gusti)

Non male il fisch and chips salvo che le patatine a fiammifero prima erano brune, amarognole e molli, poi mi sono state portate dorate, ma ancora molli, perché non farle tradizionali, visto che a fiammifero sono così difficili?

Il prezzo per due persone, per due piatti a testa, caffè, acqua e una bottiglia di vino è stato di 80€.

Il vino generalmente costa tra 16 e 18€ a bottiglia, Pigato e Grillo erano dignitosi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: