“Gratta e sosta”: rebus, per chi ne ha veramente bisogno

Abito a Milano e non uso mai l’auto se non devo trasportare oggetti grandi e pesanti, o parenti o amici con handicap motori, in particolare non vado mai in centro con l’auto, ma l’altro giorno mi sono dovuto sottoporre ad un esame invasivo per cui l’ospedale esigeva che fossi accompagnato (e avevano ragione!).

Dovendo quindi andare all’Ospedale Fatebenefratelli,  ed essendo agosto, mi sono premurato di acquistare in anticipo i “gratta e sosta”, ho scoperto così che sono di due prezzi diversi da 1,2€ e da 2,0€ all’ora e il tabaccaio non sapeva quale fosse idoneo a sostare nelle vicinanze dell’ospedale, già questo vi dice quanto io frequenti la città in auto.

Non usandoli mai mi seccava comprarne di inutili, l’ultima volta che mi era successo di farlo per accompagnare un amico infortunato, ma non titolare di pass per invalidi dopo due anni li avevo gettati essendo scaduti.

L’esame era previsto della durata di 40 minuti, ma qualche cosa non doveva avere funzionato, sono stato chiamato nell’ambulatorio 50 minuti dopo l’orario previsto, mi hanno preparato e poi medico e infermiera sono scomparsi per circa 20 minuti, quando sono tornati, fattomi il tranquillante che appunto mi avrebbe impedito di tornare a casa da solo, hanno proceduto con l’esame, dopo un’oretta tutto era finito ed io ero nel lettino di osservazione dove sono rimasto per un paio d’ore.

Quindi per fortuna che non avevo trovato posto nei parcheggi gratta e sosta, bensì in un parcheggio interrato così me la sono cavata con 14,50€ e non ho rischiato multe, ma adesso cosa faccio con i 4 gratta e sosta da 1,20€, che non erano neppure adatti a quella zona?

A questo punto vorrei dare qualche suggerimento alla nuova amministrazione cittadina:

– fare una tariffa unica per la sosta,

– fare nei pressi degli ospedali delle aree riservate a chi deve fare esami, anche a pagamento, ma che siano gestiti dagli ospedali stessi, in modo che vengano venduti solo a chi ne ha necessità comprovata, io ho dovuto fare il giro dell’ospedale appoggiandomi al muro per non cadere per arrivare al parcheggio sotterraneo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: