Er pannicello verde

Squasi t’ho vvisto,
ajeri, stavi sur Gianicolo,
pensoso,
nun pensavi davero,
eri pensoso ebbasta,
mo’ pari sturbato,
sto verde sur pannicello non t’aggrada,
che ‘te devo dì, io te capisco,
er doppiopetto e la panzetta,
cor verde ner taschino non c’azzecca,
er doppiomento e la faccia de furetto,
tutto per non pare na checca,
ma fatte scosto, làssali sta’,
lassa che se fàcino de lampade,
lassa che sembrino de coccio,
de coccio come’r pitale,
nonno lo teneva affianco ar letto,
così la notte drentro ce pisciava,
cor fazzoletto poi se r’asciugava,
a me che je chiedevo:
A che te serve sto fazzoletto verde?
Lui serio: Er rubbinetto perde!
Così se ‘r verde non taggrada
pensa che, forse, a quarchedduno serve!

Bernardo d’Aleppo

Milano 5 Aprile 2010

Annunci